La pratica sportiva contemporanea, così come concepita e approvata dalla FITARCO è ripartita in funzione del tipo di arco utilizzato.

 

I tipi Principali  di arco sono:

Arco Nudo

Arco Olimpico

Arco Compound

 

 

Arco Nudo

ArcoNudo

 

 

In questa divisione si devono utilizzare solo archi sprovvisti di sistema di mira (mirino) e di stabilizzazione supplementare. Sono consentiti esclusivamente un poggia freccia (rest), un bottone elastico (Berger Button) ed un sistema di pesi posizionati nel riser che stabilizzi l'azione al momento del rilascio. L'insieme di flettenti e riser deve - da regolamento - passare all'interno di un anello di 12 cm di diametro (gli archi vengono spesso controllati prima dell'inizio delle gare). Solitamente i materiali che compongono l'arco nudo sono gli stessi degli archi olimpici, ma in genere vengono utilizzati riser progettati appositamente per la disciplina che risultano appesantiti nella parte inferiore, in maniera tale da contrastare il momento della forza che tende a far "scalciare" l'arco verso l'alto al momento del rilascio. A differenza delle altre due specialità, che consentono l'uso di un mirino, in questa, per poter essere precisi alle varie distanze, l'arciere può utilizzare due tecniche:

  • "string-walking" ("camminare sulla corda"): il punto di ancoraggio sul viso è fisso mentre la mano che brandisce la corda si sposta rispetto al punto di incocco della freccia;
  • "face-walking" ("camminare sul viso"): la mano che brandisce la corda mantiene la medesima posizione sulla stessa e si sposta il punto di ancoraggio sul viso.

Entrambe queste tecniche permettono anche di inclinare la posizione di tiro senza precludere la precisione.

 

 

 

 


 

 

Arco Olimpico


ricurvo

In questa divisione si utilizzano archi scomposti in tre pezzi (TD o take-down): un corpo centrale (riser), solitamente in legno, lega d'alluminio e magnesio o carbonio, due flettenti fissati al riser per mezzo di slitte o viti ed uniti tra di loro da una corda. Vi si possono aggiungere numerosi accessori: mirino, sistema di stabilizzazione dotato solitamente di tre aste (una centrale più lunga e due laterali - dette "baffi" - montate a circa 45° rispetto all'arco ed indirizzati all'indietro), un rest, il supporto che sostiene fisicamente la freccia prima di essere scoccata, un clicker, la lamina metallica che ha la funzione principale di segnalare all'arciere scattando che l'arco è stato aperto nella misura da lui scelta ottenendo quindi per ogni tiro sempre la medesima potenza e il medesimo allungo (funge anche da supporto affinché la freccia non esca accidentalmente dal rest), un bottone elastico o Berger Button (bottone di pressione) inserito lateralmente al rest, per ammortizzare l'uscita della freccia e correggere il paradosso dell'arciere.

 

 

 

 


Arco Compound

In questa divisione si utilizzano appunto archi "compound" (compositi), muniti di particolari sistemi di moltiplicazione della potenza a mezzo di carrucole eccentriche che permettono di ottenere la potenza massima a circa metà della fase di apertura dell'arco per poi scaricarla di circa il 60-75% (let-off), ottenendo così, con uno sforzo fisico minore, una maggiore velocità in uscita della freccia, quindi una maggiore precisione. È consentito l'uso di mirini ottici potenziati con lenti addizionali, di livelle che consentono di verificare che l'arco sia parallelo al terreno, di punti di mira a fibra ottica e di sganci meccanici per rilasciare eliminando quasi interamente l'interferenza di un rilascio manuale. Recentemente è stato dimostrato che un arco compound utilizzato da un congegno meccanico detto shooting machine, che simula l'arciere in condizioni ideali, è capace di scagliare una freccia con identico risultato di una precedente.


compound web


Altro

Nelle gare di campagna sono ammessi anche gli archi tradizionali in legno:

  • Arco Longbow, ovvero il tradizionale arco in legno lungo. Può essere monolitico oppure smontabile. Si possono utilizzare solo frecce in legno con impennaggio naturale.


arco longbow web

  • Arco Istintivo, ovvero un arco in legno più corto del Longbow, con una particolare inclinazione dei flettenti (nel Longbow essi non devono avere curvature, mentre nell'Istintivo è permesso) e senza alcun riferimento per la mira. Generalmente gli esemplari sono smontabili. Si possono utilizzare frecce in legno, carbonio o alluminio, purché abbiano una certa circonferenza, e solo con impennaggio naturale.

 Arcieri del Marghine

© 2020 All Rights Reserved. Arcieri del Marghine